GiroPallet Mod. Rhino 500 e Rhino 1000 per il Remuage Automatico - Riddling Machine




"Accessories for Vineyards" in collaborazione con la ditta Prometal presenta Rhino 500 e Rhino 1000  i partner ideali per le aziende produttrici di spumanti mediante metodo classico o “méthode champenoise” riproducendo pienamente l'operazione di remuage manuale in modo automatico. Remuage o scuotimento , consiste in una rotazione di circa un ottavo di giro eseguita a mano sulle bottiglie al fine di far lentamente precipitare i depositi sotto il tappo della bottiglia, per poi eliminarli con la sboccatura.

Guarda il Video del Giropallet - Riddling Machine



Con Rhino 1000 e Rhino 500 viene fatto tutto automaticamente apportando inoltre importanti vantaggi quali :

  • Riduzioni del tempo di fermo del cliclo di lavorazione dovuto al tempo stesso dell'operazion manuale, evitando operazioni pesanti e delicate, aumentando così la produttività.
  • Riduzione dell'impiego di mano d'opera, oggi sempre più scarsa e costosa.
  • Riduzione notevole delle aree di lavorazione, sostituendo i classici pupitres, notevolmente ingombranti.

Rhino 1000 e Rhino 500, quest'ultima nata per soddisfare le produzioni di piccoli quantitativi, possono rispettivamente lavorare circa 1008 bottiglie e 504 bottiglie a ciclo di lavorazione, effettuando rotazioni di tutte le bottiglie in contemporanea alla cadenza impostata.

I cicli di lavorazione sono completamente configurabili e programmabili secondo ogni necessità mediante uno schermo "Touch screen" posto sul quadro di comando, gestendo la produzione di impulsi vibranti a frequenza determinabile (optional), le rotazioni e le inclinazioni delle bottiglie. Il software facile ed intuitivo, ridurrà al minimo i tempi di programmazione.
Rhino 1000 e Rhino 500 sono molto versatili, avendo la possibilità di installare cestoni porta gabbia dedicati a ogni modello di gabbia esistenti sul mercato. La carpenteria, progettata per garantire solidità e resistenza alle continue sollecitazioni statico/dinamiche,e allo stesso tempo esteticamente snella, è auto portante , non necessita di fissaggi a parete;
Infine, i cuscinetti di base a circolo di sfere posti sotto i cestoni porta gabbie e il sistema di sollevamento mediante cremagliera circolare rendono Ryno 1000 e Ryno 500  silenziose e stabili.

Fotogalery Riddling machine

Download
Catalogo Rhino 500 e Rhino 1000
Scarica in formato PDF il catalogo di Ryno il Giropallet per il Remuage in Automatico
Depliant Ryno 1000 e Ryno 500 ita - eng
Documento Adobe Acrobat 5.5 MB

Ecco le fasi salienti del Remuage:

 

La prima cosa che compie un buon responsabile di cantina e' di preparare otto ore prima le bottiglie dello spumante o champagne nel contenitore in modo orrizontale.

Seconda fase del giorno seguente sara' di inserire il ns contenitore di 504 bottiglie nel giropallet, chiudere la porta di sicurezza e dare lo start al giropallet.
Qui dolcemente ruoteremo e dondoleremo tutte le bottiglie nel contenitore per un periodo da 4 a 5 giorni fino a portare le ns bottiglie in posizione verticale (con il lato della bottiglia verso il pavimento della cantina). A questo punto terminato il programma di remuage verra' estratto il contenitore di bottiglie (504) e laciarlo  riposare in quella posizione per ultimare le fasi di deposito e poi finire con la sboccatura ed riempimento ect.

I nostri  contenitori post remuage non occupano  lo spazio in cantina e li possiamo impilare uno sopra l'altro.

 

Ci sono macchinari :

Carico a mano delle bottiglie ma non viene rispettato il riposo delle otto ore prima della rotazione. Inoltre non viene rispettato il riposo dopo il remuage manipolazione a mano per toglierlo dai contenitori della macchina, e rischiare che il deposito si sollevi ed il lavoro di deposito e' stato infruttuoso oltre che tempo perso.

Carico max di bottiglie non piu' di un centinaio di bottiglie ma senza contenitore, contro il nostro che ne carica ben 504 bottiglie.

I temi che abbiamo vissuto insieme ora, sono solo piccoli aspetti che hanno reso importante ridurre i costi ai nostri clienti massimizando il danaro recuperato nei mesi con le ns macchine.


Lo sapevate che....

Il degorgement, in italiano sboccatura, è una tecnica utilizzata nella produzione di vini spumanti metodo classico, con lo scopo di rendere  il vino limpido, liberandolo dal deposito feccioso.

Ma facciamo un passo indietro per rendere più chiaro il concetto: gli spumanti si dividono in due grandi categorie che prevedono metodi di lavorazione differenti: il metodo charmat e metodo classico.

Il metodo charmat prevede la rifermentazione del vino base all’ interno di un recipiente a tenuta ermetica, detto autoclave, all’ interno del quale i lieviti, fermentando gli zuccheri a disposizione, creano una sovrappressione che porta alla formazione di anidride carbonica all’ interno del serbatoio e quindi del vino. E’ una tecnica di lavorazione industriale, utilizzata per la produzione di spumanti dolci tipo l’ Asti e secchi tipo il Prosecco o il Pinot.

Il metodo classico prevede sempre una rifermentazione ma questa volta il nostro recipiente è la bottiglia.

Prima di procedere all’imbottigliamento (in questo caso chiamato tiraggio), al vino base, una miscela di più vini di annate differenti detta cuvèe, viene addizionata la liqueur de tirage, contenente lieviti, zucchero di canna e sostanze nutritive, affinchè possa avvenire una corretta rifermentazione in bottiglia. Il tappo utilizzato in questa fase non è ancora quello definitivo, ma si usa un tappo a corona, come quello della birra per intenderci, sotto il quale si trova la bidule, un cilindro di plastica dove si accumulano le fecce. All” interno della bottiglia incomincia la rifermentazione (perchè la prima fermentazione è stata fatta sul vino), le bottiglie vengono tenute in cataste in posizione orizzontale. Finita la rifermentazione, cioè quando il nostro vino risulta secco e privo di residuo zuccherino e con l’ anidride carbonica disciolta nella bottiglia, il vino viene lasciato riposare per un periodo che va dai nove mesi fino a svariati anni a seconda della tipologia e del prodotto che si vuole ottenere.

Una volta terminato il processo di affinamento sui lieviti che conferiscono aromi e profumi, il vino deve essere liberato dal deposito feccioso: la bottiglia viene inclinata poco per volta, fino a quando non raggiunge la  posizione verticale, in modo che il deposito si concentri tutto sul collo della bottiglia. Una volta questa operazione, detta remuage, veniva eseguita manualmente da personale specializzato, oggi invece esistono dei macchinari chiamati giro pallets che svolgono l’ operazione in maniera meccanica. Una volta che il deposito si è raccolto sul collo della bottiglia si procede al degorgement.

A questo punto il collo della bottiglia, stando a contatto con una soluzione di glicole propilenico a -25 gradi, viene ghiacciato. Successivamente viene fatto saltare il tappo a corona e per effetto della pressione all’ interno della bottiglia fuoriesce il cilindretto ghiacciato contenente la bidulle, ricca di deposito feccioso.

Lo sciroppo con cui si va a ricolmare la bottiglia (visto che un po’ di vino si perde durante la sboccatura) si chiama liqueur d’ expedition: è la ricetta segreta di ogni cantina, può contenere zucchero, vini vecchi o distillati.

A questo punto la bottiglia viene tappata definitivamente con il tappo a fungo ed etichettata, pronta per essere messa in commercio.

 

 

                                                                                                              Informazioni tratte:  http://tablino.it/    Il Sig. Lorenzo Tablino-Enologo

Download
Articolo
Scaricate l' articolo gentilmente concesso: LORENZO ENOL TABLINO POSSIO SITO: www.tablino.it
Champagnisti.pdf
Documento Adobe Acrobat 196.3 KB
Download
Asti metodo classico: tre parole per evocare un prodotto particolare.
Nella classica coppa aromi intensi e sapori dolci invitanti, in cantina bottiglie che scoppiano e cantinieri preoccupati. E ‘ una scommessa l’Asti metodo classico – l’antico Asti champenoise, ovvero fatto fermentare in bottiglia.Non si usano autoclavi dove razionalizzi tutto, dove puoi inserire tecnologie che controllano il processo e bloccano la fermentazione anche il giorno di ferragosto. Per usare una definizione classicissima, “l’Asti metodo classico è un utopia “
Asti Champenoise.pdf
Documento Adobe Acrobat 85.9 KB

Vuoi diventare distributore della tua regione? Compila il form e lavora con noi!

ACCESSORIES FOR VINEYARDS RICERCA DISTRIBUTORI:

Chi fosse interessato a proporre Rhino, può chiamare direttamente il Responsabile Italia:

Cell. 334-3960273 oppure compilare il form

 

DISTRIBUTORI UFFICIALI RYNO ?  Clicca qui.

 

 

 

Saremo presenti al SIMEI allo stand di LUCA TARDITO

  PAD. 13 – Stand S06 T09

 

Contatti per Rhino:

Ufficio: +39-0382-277136

Mobile Ing. Bertoglio Mauro: +39-338-2744209

Mobile Fabio Tenca: +39-366-3500910

 

Clicca mi Piace e seguici su Facebook


I marchi, loghi e quant'altro sono di proprietà esclusiva dei nostri collaboratori, utilizzati  solo al fine  commerciale sotto richiesta scritta da parte di Accessories for Vineyards.